• 333.5225704
  • mariarosa.gavardi@libero.it

Archivio dei tag colonna vertebrale

TUNNEL CARPALE E POSTURA

 

Eccomi qui a scrivere di un’altra patologia frequente di cui sicuramente avete sentito parlare.

Come potete vedere dall’immagine

il legamento trasversale del carpo forma un “tunnel” in cui passano i tendini dei muscoli flessori delle dita della mano (nella figura i tendini non sono stati disegnati per far vedere il tunnel).
Tralasciando l’aspetto prettamente medico di questo disturbo passiamo direttamente alle possibili soluzioni che la Posturologia può offrire anche in questa situazione.

Intanto una premessa doverosa: affrontare il tutto da un punto di vista GLOBALE è fondamentale per non incappare in recidive che vengono addirittura segnalate a chi decide di farsi operare.

Cosa intendo per “punto di vista GLOBALE”?

Mi riferisco al fatto che la mano è l’estremità di un Arto che è collegato ad una Spalla che a sua volta è collegata alla Colonna Vertebrale. Ecco che partire dal rachide, con un lavoro di rieducazione e riprogrammazione posturale, ancora una volta è una strategia Vincente.

Poi come sempre del lavoro specifico per mano sarà d’obbligo per liberare i tendini delle dita, che ingrossatisi a causa di un uso eccessivo o di una organizzazione motoria non ideale, fanno fatica a scorrere nel legamento a forma di tunnel che sta alla base del carpo.
Liberare la colonna cervicale e le spalle renderà, le braccia più libere e leggere e consentirà un uso ottimale di tutto l’arto mano compresa.

LA POSTURA AL SERVIZIO DELLA SALUTE
per appuntamenti 333.52.25.704 Mariarosa

Mariarosa Gavardi
Chinesiologa Posturologa Massofisioterapista Esperta in Alimentazione

L’ANCA ESPIATORIA Approccio Posturale Globale Integrale

Prendo spunto da questa importante articolazione, l’anca o coxo femorale, per affrontare un approccio non solo innovativo, ma anche risolutivo per tante patologie articolari, quello Posturale Globale Integrale appunto. 
Questa articolazione, unisce il tronco e l’arto inferiore, è il punto di incontro tra il bacino e la testa del femore (l’osso della coscia) ed è fondamentale conoscerne forma, collegamenti, possibilità di movimento per una schiena fluida e leggera, oltre che per la funzionalità delle gambe.
Infatti l’anca contribuisce notevolmente alla flessibilità della colonna vertebrale e naturalmente all’equilibrio della testa.

Per avere una postura ideale e una dinamica del cammino che sia agile e leggera, occorre una disponibilità dell’anca, per come funzionalmente dovrebbe muoversi questa articolazione, altrimenti si rischiano problemi alle ginocchia, al nervo sciatico, dolori alla schiena fino alla cervicale ed altri disagi dettati da sforzi inutili per compiere azioni comuni, come salire le scale, salire e scendere dall’auto o semplicemente alzarsi dalla sedia.

Occuparsi di postura non significa solo liberare la parte sofferente, che sia un’anca, un ginocchio, una spalla o una caviglia. Ecco che, affinché l’intervento sia efficace, non ci si può limitare ad un lavoro settoriale ma deve, sottolineo DEVE, partire dalla valutazione di tutto il Sistema Tonico Posturale.
Ecco che l’approccio integrale o globale che dir si voglia, ci porta in un campo di osservazione che cambia la visione meccanicistica classica, dando largo spazio alla storia di vita della persona che chiede di essere aiutata.

Mi spiego meglio: siamo abituati che, se si rompe un pezzo ad una macchina, lo si cambia o lo si aggiusta semplicemente.
Nel corpo umano non è proprio cosi: se una parte del corpo soffre e non ha subito un trauma diretto, è necessario capire come mai tutto questo sta accadendo. Se necessario si può certo sostituire una parte, qui la chirurgia ortopedica con l’avvento delle protesi, ha fatto e continua a fare passi da gigante e per questo dobbiamo solo ringraziare, ma fondamentale rimane cercare di comprendere come mai quella parte si è “inceppata” o perlomeno partire da un assunto logico:
se un’articolazione mi duole, senza avere subito traumi diretti, come scritto sopra, ci sarà un fuori asse, fisico-emotivo-viscerale, che mi porta ad avere una organizzazione neuro-muscolo-scheletrica non ideale.

Proverò, nel breve spazio di un articolo, a darvi una visione allargata, sapendo che le possibili combinazioni personali sono da valutare caso per caso o meglio vita per vita. Una preghiera: attenzione a non occuparsi di una parte e SOLO di quella, che potrebbe NON essere la causa dei disagi, ma che sta solo compensando o per ritornare al titolo “espiando colpe” non sue.

In questi 30 anni di attività professionale, sono partita dal mantenimento del mio stato di forma e quello dei miei allievi in palestra, avendo così l’opportunità di studiare sul campo le possibilità di movimento del nostro meraviglioso corpo.
Poi sono passata attraverso dolori ad un ginocchio, poi ad un’anca, poi alla schiena ed infine al collo e poi ancora un ginocchio, comprendendo che non bastava fare attività fisica per non avere disagi, ma era ed è necessario fare qualcosa di diverso. Ecco che la mia ricerca personale su come “aggiustare” me stessa, mi ha portato prima a chiedere aiuto e poi a formarmi a livello professionale presso la scuola del Dott. Raggi a Milano come Tecnico di Riequilibrio Posturale, a frequentare un Master in Posturologia all’Università “La Sapienza” ed una scuola accreditata in MassoFisioTerapia.

Così oltre ad avere trovato la strada per la mia salute muscolo scheletrica e non solo, ho potuto far si che i miei allievi di allora, ma anche gli attuali, potessero e possano continuare a prendersi cura di loro stessi anche durante le fasi di dolore, guidandoli attraverso il Riequilibrio Posturale Integrale, anche dopo interventi chirurgici.
Nel mio caso la “combinazione di vita” che scatenava i dolori fisici era data da:
– una cicatrice attiva (appendicectomia),
– distorsioni multiple ad una caviglia in particolare (giocando a pallavolo),
– forte trauma emotivo per la prematura scomparsa dei miei genitori che ha alterato la mia respirazione e quindi il mio diaframma.
Ecco che lavorare solo la mia anca sarebbe stato utile ma non risolutivo.

Oggi il mio obiettivo è sempre più chiaro ed è far si che, chi chiede il mio intervento, possa migliorare la qualità della sua vita a qualsiasi età. Che sia un anca a chiedere aiuto, che sia un ginocchio, un mal di testa o altro, affidarsi ad un professionista che possa attraverso un colloquio iniziale e una valutazione motoria accurata, comprendere come intervenire strategicamente per liberare la zona dolente è un regalo che ogni persona dovrebbe fare a… sé stessa.

Nei percorsi che propongo, l’attenzione è rivolta interamente ad allentare le tensioni inutili, sperimentando su sé stessi la possibilità di liberare le articolazioni. Questo accade in due modalità diverse a seconda che si tratti dei trattamenti individuali, in cui oltre alle pratiche motorie c’è, se richiesto e necessario, anche il mio intervento manuale;
La seconda modalità che utilizzo è il lavoro nelle lezioni collettive, in cui la possibilità di fare esperienze, esplorazioni motorie, a volte di proposito “sbagliate”, mette i partecipanti ai corsi in uno stato di attenzione serena che li porta all’apprendimento di nuovi schemi motori che in soldoni si traducono in nuovi modi di muoversi senza dolore.
In entrambe le proposte, individuali o collettive, le comprensioni di dove sono annidiate le tensioni muscolari e soprattutto del come liberarsene, rimangono i principali obiettivi che possiamo tradurre in quattro parole: conoscenza di sé stessi.

Mariarosa Malo Gavardi

Chinesiologa Posturologa Massofisioterapista Esperta in Alimentazione

ALLUCE VALGO E POSTURA